Commento di Giovanna Menegus sull'incontro "Poesia Aperta"

01/08/2016

LALLA ROMANO, Il sogno di una rosa, 1.5.98
Gentile Signora, Egregio Signore,
prima della pausa estiva, anche a nome del Consiglio Direttivo della nostra Associazione, vi auguro una serena estate, nella salute e nella gioia.
Accompagno questo augurio riportando con piacere la “cronaca commentata” riguardante uno degli ultimi incontri in Sala Lalla Romano dedicato a “Poesia aperta”, e svoltosi l’11 giugno. Con la sapiente “regia” di Gabriella D’Ina, Presidente della nostra Associazione, hanno partecipato quattro poetesse, che avevano già prima risposto a un questionario, preparato dalla dott.ssa D’Ina: Ann Bises, Giovanna Menegus, Silvia Venuti e Mariantonietta Zingarelli.
Giovanna Menegus, sul suo sito, ha ricostruito questo incontro, con le sue annotazioni e i suoi commenti, che in parte vorrei qui riportare, rimandando al suddetto sito per la completezza di questa “cronaca commentata”.
 
"Il sogno di una rosa

Come immagine per presentare il recente incontro Poesia aperta è stato scelto un disegno a biro blu di Lalla Romano: Il sogno di una rosa. Il titolo è annotato dall’autrice nella sua grafia rapida e minuta, un po’ angolosa, sotto il calice del fiore, e accompagnato dalla data 1-5-98.
Lasciato con naturale leggerezza in calce a un semplice foglio di taccuino e non ripreso in seguito, anzi forse dimenticato dall’autrice stessa, è un titolo bellissimo, che si vorrebbe usare, rubare persino, e che suscita tante associazioni mentali."
  
Interessanti sono anche le risposte che Giovanna Menegus aveva dato al Questionario e  consegnate prima dell’incontro. Ne riporto solo alcuni brani, rimandando al suo sito per leggere il testo completo:
 
https://crudalinfa.org/tag/lalla-romano/
 
"Questionario per Poesia aperta
           
Quale funzione e valore attribuisce alla poesia nella sua vita e in rapporto agli altri?
Considero la poesia il centro segreto e invisibile attorno a cui tutto, nella mia vita, ruota e a cui tutto, o forse piuttosto tutto ciò che conta, in modi e tempi diversi converge.
                                                                                                                                 
Ha contato e quanto la conoscenza della letteratura femminile nella sua formazione poetica?
Molti degli autori che per me più hanno contato sono donne. Prima e più di tutte, e ancora oggi, Emily Dickinson. Poi Marina Cvetaeva. Gli altri autori di sesso femminile che ho più frequentato sono di fatto poeti in prosa (Katherine Mansfield, Virginia Woolf, Lalla Romano…) o anime di grande luce come Etty Hillesum.
                                                                                                                                 
Di questi autori, magari anche solo di uno di questi autori che appartengono alla sua costellazione letteraria, può dire che cosa la affascina o l’ha affascinata?
Tra gli autori per me decisivi voglio indicare qui Lalla Romano. Mi viene naturale farlo anche perché questo incontro si tiene proprio “a casa sua”, e in vari modi grazie a lei. Il suo stile e i suoi libri mi hanno toccata fin da subito personalmente, come qualcosa che mi riguardava e in cui ritrovavo fino a una sorta di identificazione pensieri, intuizioni, esperienze, paesaggi miei (l’«antico paese di brine» dove il campo gelato è «duro come la strada» e «lo stelo / brucia la mano che lo tocca»). La consonanza ideale che avverto con lei è prima di tutto di temperamento: “selvatico” e “un po’ segreto”. Nella sua opera questo si traduce in una grande libertà e rapidità, un’immediatezza intuitiva governata però sempre dall’intelletto, da una misura più ampia, e solenne persino, da una certezza, sperimentale e mortale però, di assoluto."
                                                                                                                                    
Delle 5 poesie presentate all’incontro “Poesia aperta” da Giovanna Menegus, ne riporto due, rimandando sempre al suo sito per le altre:
                                                                                                                                   
 Ho controllato la punta delle dita
 in cerca di gemma o corolla fiorita.
 Ancora niente.
 Eppure sento questo verde urgente:
 sottopelle, una cruda linfa pulsante
 
 ***      
                                                                                                                       
 La felicità sta tutta nei piedi,
 che camminano la terra, danzano,
 sta nella bianca nuvola del fiato
 – ché è mattino
 freddo terso assolato
                                                                                                                                  
***
                                                                                                                                  
https://crudalinfa.org//                                                                                                   
                                                                                                                                 
Grazie a Giovanna e grazie a voi tutte/i per l’attenzione.
Ancora buona estate e saluti cordiali,
Antonio Ria
Vicepresidente dell'Associazione Amici di Lalla Romano